Trattamenti spagirici: Sette archetipi del mondo minerale

 

Di questi sette metalli, reali e filosofici insieme, nella preparazione e nella pratica terapeutica spagirica si utilizzano alcuni della sequenza:

Rame, Ferro, Oro, Argento, ripetitivamente per gli archetipi, Venere, Marte, Sole e Luna.

Per i metalli di Saturno, di Giove e di Mercurio, non si usano Piombo, Stagno e Mercurio, ma: Antimonio (Saturno?), Zinco (Giove), Cromo (Mercurio).

Ma, sicuramente i sette, summenzionati, hanno un’azione specifica e diretta sui sette pianeti, ovvero sull’attività fisiologica degli organi e delle funzioni vitali.

Si precisa che Piombo, Stagno e Mercurio erano presenti in preparati spagirici (p.e. in Germania) fino agli anni ’50.

Anche l’Antimonio progressivamente viene sempre più spesso eliminato dalle formulazione o diluito in maniera estrema (>D8).

Le motivazioni dell’esclusione di tali metalli è da ascriversi al timore circa la reale tossicità di tali metalli a prescindere dal tipo di preparazione.

In realtà se fossero preparati secondo i termini della spagyria i rischi di un’intossicazione, specie alla quantità posologica irrisoria, sarebbero estremamente improbabili.

Di seguito prendiamo in esame la manifestazione dei sette archetipi all’interno della tavola degli elementi.

Si parte da Saturno, poi Giove, Marte, Sole, Venere, Mercurio e Luna secondo la segnatura delle ghiandole endocrine assiali.