Filosofia della Spagyria: Venere vegetale – Piantaggine

                              

Habitat
Pianta infestante (P.major) dei terreni umidi, ricchi di nitrati, macerie, negli orti dal livello del mare a quote elevate.
Boschi submontani e montani (P.media).
Zone aride (P.lanceolata).

Costituenti principali
Glicosidi feniletanici, triterpenoidi, polisaccaridi, acidi fenolici e altri composti come alcaloidi, derivati ​​dell’acido caffeico, cumarine; ac.ursolico, ac.oleanolico e ac.α-linolenico; mucillagini, polisaccaridi, steroli e sostanze volatili, emulsina e invertina (saponine), ac.citrico, ac.ossalico; mucillagine (semi).

Informazioni
Plantago major L. mostra in esperimenti sia in vitro che in vivo una importante attività immunomodulatoria, aumentando la proliferazione dei linfociti e la secrezione di interferone-γ.

Effetto epatico
In vivo, l’estratto dei semi di P. major, mostra un’attività epatoprotettiva mediante la quale i livelli di alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi vengono a ridursi significativamente.

Effetti gastrointestinali
A causa dell’effetto antinfiammatorio di P. major, può essere usato per trattare endoparassiti e problemi di stomaco negli animali.
La frazione poliolozidica separata dalle foglie e dai semi di alcune specie di piantaggine (P. major, media, lanceolata) spiega la sua azione gastro-protettiva e un effetto lassativo è stato ottenuto con dosi più elevate di Plantago major.
I semi della pianta hanno un elevato effetto gastro-protettivo rispetto alle foglie, che può essere il risultato di un alto contenuto di mucillagini.
L’estratto di foglie di piantaggine ha ridotto la motilità del duodeno e ha anche avuto un effetto antidiarroico nella somministrazione orale.
I principali semi di Plantago sono raccomandati per la malattia infiammatoria intestinale (IBD).
Sebbene la somministrazione orale di estratto di foglie possa ridurre le ulcere gastriche, l’estratto di semi non ha alcun effetto.
Ma sia gli estratti di semi che di foglie possono ridurre anche l’acidità totale.

Effetti polmonari
P. major inibisce la degranulazione dei mastociti e può essere utilizzato per il trattamento dell’asma e delle malattie allergiche.
Protegge dalle infezioni da pneumococco in vivo e dal trattamento della bronchite cronica.

Effetti urinari
Plantago major ha effetti diuretici e può anche inibire l’attività dell’enzima di conversione dell’angiotensina.
Un altro studio sull’estratto di P. major ha dimostrato di essere più efficace dell’allopurinolo e del citrato di potassio nell’inibire le dimensioni del cristallo di ossalato di calcio in vitro e che può essere consumato per migliorare l‘urolitiasi.

Effetti cutanei
Piantaggine può essere efficace nella gestione dell’orticaria acuta.
L’acido ursolico, l’acido oleanolico e l’acido α-linolenico sono tre componenti principali di Plantago che hanno mostrato effetti inibitori sulla produzione di prostaglandine catalizzate dalla COX-2.
La luteolina (uno dei flavonoidi) ha anche la capacità di sopprimere la migrazione dei leucociti e di inibire la degranulazione dei mastociti che tutti insieme possono essere considerati strategie di trattamento antiorticaria.

Ipercolesterolemia, aterosclerosi e diabete II
Le foglie possono inibire la progressione dell’aterosclerosi e dell‘ipercolesteremia in vivo attraverso il rapporto lecitina / colesterolo.
I semi principali di Plantago hanno un effetto ipoglicemizzante in vivo.
Il plantagoside e il suo aglicone contenuti nei semi inibiscono la glicazione delle proteine ​​che legano i legami crociati e hanno potenziali applicazioni benefiche nella prevenzione delle complicanze diabetiche.

Effetti antinocicettivi
Gli estratti metanolici di foglie, semi o estratti acquosi di piante hanno mostrato attività antinfiammatorie e analgesiche attraverso l’inibizione della sintesi delle prostaglandine.

Effetti antiossidanti e radicali liberi
Gli estratti di acqua calda e fredda etanolica delle principali foglie e semi di piantaggine possiedono attività antiossidante.
Plantago major contiene flavonoidi come luteolina, apigenina, ispidulina e baicaleina, che possono indurre la morte delle cellule di carcinoma.
Inoltre, gli estratti di P. major hanno effetti inibitori e citotossici sulle linee cellulari di adenocarcinoma e melanoma mammario e questi risultati preliminari potrebbero essere giustificati dall’attività citotossica dei flavoni.

Effetto antinfettivo, antibiotico, antimicotico, antivirale, antimalarico e antigiardiasico
Alcuni tipi di estratto maggiore di Plantago si sono dimostrati efficaci nel trattamento delle infezioni fungine, batteriche e virali.
Sono stati anche dimostrati gli effetti antimalarici e antigiardici di piantaggine.
In particolare l’estratto ha anche mostrato una efficacia nei confronti di C. albicans paragonabile agli agenti antifungini sintetici.