Filosofia della Spagyria: Luna vegetale – Magnolia officinale

Habitat
Originaria della Cina, la magnolia officinale cresce selvatica soprattutto nelle regioni montuose.

Componenti principali
Neolignani, lignani, sesquiterpeni, alcaloidi e glicoside feniletanoide.

Informazioni
I boccioli di alcune varietà di Magnolia (M. Denudata, M. Officinalis, M. Biondii) si sono dimostrate particolarmente attive come antiallergici e antinfiammatori.
Magnolia denudata è particolarmente indicata nelle affezioni allergiche e infiammatorie delle prime vie respiratorie, nelle riniti acute e croniche, nelle rinorree, nella rinite ipertrofica con o senza ipertrofia dei turbinati. E’ anche attiva nelle sinusiti subacute e croniche.
Magnolia officinalis, pur avendo analoghe proprietà, ha un maggior organotropismo per l’intestino tenue e crasso.
E’ attiva nelle turbe funzionali gastroenteriche anche da cause allergiche o da intolleranze alimentari.

Magnolia in MTC
Nella medicina cinese Materia Medica, la corteccia dell’albero di Magnolia si chiama Hou Pu.
Hou Pu è la corteccia altamente aromatica spogliata dai fusti, dai rami e dalle radici dell’albero di magnolia.
La prima menzione della corteccia di magnolia come sostanza medicinale tradizionale cinese è stata registrata intorno al 100 d.C.
È usata frequentemente dagli agopuntori e dai praticanti della medicina orientale nelle formule a base di erbe cinesi.
Questi rimedi a base di erbe includono formule per risolvere disturbi come distensione e dolore addominale, vomito e diarrea.
Le azioni terapeutiche della corteccia di Magnolia includono la promozione del qi nella regione gastrointestinale.
Per il paziente di agopuntura, questo si traduce in un sollievo della pienezza dello stomaco, del gonfiore e del disagio.

Queste proprietà sono illustrate nella formula cinese a base di erbe Hou po wen zhong tang, nota anche come decotto di corteccia di Magnolia per il riscaldamento del centro.
Questa formula medicinale presenta la corteccia di magnolia in aggiunta ad altri sei ingredienti.
La prescrizione rimedi la diagnosi di umidità-freddo ferendo la milza e lo stomaco.
Questo quadro clinico può derivare più comunemente dalla eccessiva indulgenza di cibi e bevande non cotte e fredde, soprattutto durante i mesi più freddi dell’anno.
La natura del freddo è quella di congelare, e quando questa condizione colpisce, il qi della digestione diventa ostruito.
Sintomaticamente, il paziente può sperimentare pienezza, perdita di appetito, stanchezza alle estremità e diarrea.
Le erbe di questa formula lavorano sinergicamente per spostare l’ostruzione, riscaldare la digestione e asciugare il ristagno inappropriato dei fluidi nel tratto gastrointestinale.

La corteccia di magnolia è un bene inestimabile nell’arsenale cinese a base di erbe per ripristinare la cattiva digestione a causa della mancanza di movimento da ristagno freddo.
Un fornitore di medicina orientale con licenza ed esperienza porta molto in tavola nel sollievo dei disturbi digestivi.
L’agopuntura, le erbe cinesi e le raccomandazioni dietetiche possono essere una potente combinazione per combattere i sintomi e per correggere i problemi di fondo che circondano il disagio digestivo
.” Tratto da Empirical point