Filosofia della Spagyria: Sette nella manifestazione simbolica

 

Qui di seguito un breve e per nulla esaustivo elenco dei sette in relazione con la tradizione e con i simboli dell’antichità
I. I sette re di Roma: Romolo, Numa Pompilio, Anco Marzio, Tarquinio Prisco, Servio Tullio, Tarquinio il Superbo;
II. i sette colli di Roma;
III. le sette meraviglie del Mondo Antico:

  • Il Colosso di Rodi in Grecia;
  • Il faro di Alessandria d’Egitto;
  • La piramide di Cheope a Giza;
  • La statua di Zeus a Olimpia;
  • Il tempio di Artemide a Efeso;
  • Il Mausoleo di Alicarnasso;
  • I giardini pensili di Babilonia;

IV. i sette giorni della settimana;
V. sette sono le lettere dell’acronimo alchemico V. I. T. R. I. O. L.:
1. Visita
2. Interiora
3. Terrae
4. Rectificando
5. Invenies
6. Occultam
7. Lapidem
(trad.:Visita le Profondità della Terra, e rettificando troverai la Pietra Occulta);
VI. sette è la somma delle invocazioni contenute nel Pater Noster ottenuta sempre come somma fra:
tre le invocazioni per il divino:
1. Sia Santificato il Tuo Nome,
2. Venga il Tuo Regno,
3. Sia fatta la Tua Volontà;
quattro le invocazioni per gli uomini:
4. dacci oggi il nostro pane quotidiano;
5. rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
6. non ci indurre in tentazione,
7. liberaci dal male;
VII. le sette chiese in Asia della tradizione apocalittica;
VIII. sette sono i mari secondo l’antica suddivisione dei Greci: Mar Egeo, Mar Nero, Mar di Marmara, Mar Ionio, Mar Rosso, Mar Tirreno, Mar Mediterraneo orientale;
IX. sette, secondo la tradizione ebraico-cristiana, sono i giorni che Dio impiegò a creare il mondo;
X. sette sono i bracci del candelabro ebraico chiamato Menorah;
XI. sette sono gli attributi fondamentali di Allah: vita, conoscenza, potenza, volontà, udito, vista e parola;
XII. sette sono gli Dei della Felicità del buddhismo e dello shintoismo:
• Ebisu, dio della pesca;
• Daikoku, dio della fortuna;
• Benten, dea delle arti;
• Fukurokuju, dio della popolarità;
• Bishamon, dio della guerra;
• Jurojin, dio della longevità;
• Hotei, dio della giovialità;
XIII. sette sono i doni dello Spirito Santo nel cristianesimo: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timor di Dio;
XIV. sette sono i libri dell’Eptateuco nella Bibbia: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio, Giosuè, Giudici;
XV. sette sono i Sacramenti del cristianesimo: Battesimo, Cresima (o Confermazione), Eucaristia, Penitenza, Unzione dei malati, Ordine Sacro,
Matrimonio;
XVI. sette sono i Rishi (saggi o profeti nella tradizione indiana) dell’Induismo;
XVII. negli Antichi Veda indiani, sette sono le Lingue di fuoco nel Cielo (Astri mobili o pianeti);
XVIII. sette sono le ossa del tarso nel piede umano: calcagno, astragalo, scafoide, cuboide, tre cuneiformi;
XIX. sette sono i “fori” della testa; due forami oculari, due quelli nasali, due auricolari e l’apertura boccale;
XX. sette sono le vertebre cervicali;
XXI. sette sono le vocali per le lingue antiche mediterranee: “a”, “é”, “è”, “i”, “ó”, “ò”, “u”;
XXII. sette sono i simboli usati per esprimere i numeri romani: I, V, X, L, C, D, M;
XXIII. sette sono i nani della fiaba di Biancaneve;
XXIV. secondo il libro dell’Apocalisse, la fine del mondo sarà annunciata dalla rottura dei sette sigilli, seguita dal suono di sette trombe per bocca dei sette Angeli, quindi dai sette Portenti e infine dal versamento delle sette Coppe dell’ira di Dio.

 

Vi sono molti altri settenari che tralasciamo per non rendere più pesante il più che “rassicurante” e reale elenco fin qui fornito.

Infine

Questa “insistenza” del numero sette nella manifestazione simbolica e pratica dell’esistenza nasconde la via del riscatto dell’Uomo dal suo percorso in questa manifestazione.
Termina qui la trattazione globale dei sette per avventurarci nei singoli archetipi immagine della “caduta” dello Spirito nella materia.
Si inizierà da Saturno per poi via scendere, secondo la sequenza caldaica, fino all’ultimo archetipo: la Luna.